• 2020,  DOC,  Giusti,  METODO MARTINOTTI,  Prosecco,  ROSATI,  VENETO

    2020 Prosecco Rosé Extra Dry Rosalia, Giusti

    Il tema Prosecco Rosé, tra gli addetti ai lavori e semplici appassionati di vino, ha smosso non pochi dubbi e polemiche negli ultimi mesi. Francamente non mi è chiaro il motivo, anche perché la famosa Doc veneta nella versione Rosé prevede la possibilità che venga aggiunto, ad un minimo di glera 85 – 90%, del pinot nero (vinificato in rosso) dal 10 al 15 %. Detto ciò, considerando la tipologia di vino in questione, ovvero uno dei brand più famosi e venduti al mondo, non mi meraviglia affatto che le aziende coinvolte abbiano voluto sperimentare la versione in rosa, categoria sempre più richiesta in tutto il mondo; francamente son stupito…

  • DOC,  Masottina,  METODO MARTINOTTI,  Prosecco,  VENETO

    Prosecco Extra Brut, Masottina

    Non è facile far cambiare idea ai nerd del vino naturale o ai detrattori per partito preso del Prosecco, soprattutto quando si parla delle centinaia di milioni di bottiglie del Prosecco DOC. Ma il lavoro iniziato dal 1946 da Epifanio Dal Bianco e proseguito dal primogenito Adriano (enologo formatosi alla Scuola Enologica di Conegliano) fino a giungere ai figli Federico, Filippo e Edoardo va proprio in questa direzione. Con questa bottiglia Masottina prova a dimostrare non solo che la glera anche in pianura può raggiungere la finezza e “stilosità” della collina con pendenza ardita, ma che in zone meno pregiate il livello qualitativo può essere elevatissimo. Oggi Masottina ha numeri monstre…

  • 2017,  DOC,  Miotto,  Prosecco,  RIFERMENTATI,  VENETO

    2017 Prosecco Profondo, Miotto

    È un Prosecco a rifermentazione naturale in bottiglia proveniente dalle colline di Colbertaldo di Vidor nel valdobbiadenese e più in particolare in quella magica parcella che è la Federa. Un anfiteatro con esposizione a sud su suolo composto di conglomerato calcareo dove le vigne sono letteralmente incastonate nella roccia. Frizzante naturale, con chiusura a tappo corona, dotato di un patrimonio gustativo raffinato pur nel suo essere contadino nell’anima. Si presenta torbido nel bicchiere per la presenza dei lieviti esausti caduti nel fondo dopo la rifermentazione e non sboccato. Al naso inizialmente porta l’eredità del lievito che però svanisce subito dopo. Emergono le note più agrumate e fresche unite a quelle…