2019,  DOC,  Langhe,  Marchesi di Barolo,  PIEMONTE,  ROSSI

2019 Langhe Nebbiolo Bric Amel, Marchesi di Barolo

La storia di questa Cantina va di pari passo con l’essenza stessa del cosiddetto “vino del re, re dei vini”: sto parlano di Marchesi di Barolo proprietà della famiglia Abbona. La sede si trova proprio al centro del suddetto borgo langarolo, presso il palazzo prospiciente il Castello dei Marchesi Falletti. Più di 200 anni di storia e una moltitudine di personaggi storici coinvolti: il Marchese di Barolo Carlo Tancredi Falletti, la nobildonna francese Juliette Colbert di Maulévrier, pronipote del famoso ministro delle finanze del Re Sole e ultimo, non certo per importanza, Camillo Benso conte di Cavour. Con il passare degli anni le gesta di questi illustri personaggi dell’epoca si incrociano con il savoir-faire di un’altra famiglia prestigiosa di Barolo: gli Abbona, proprietari della Cantina “Cavalier Felice Abbona e Figli” ai piedi del Castello dei Marchesi, ancor oggi titolari del marchio, uno dei più importanti a livello nazionale. Veniamo al Bric Amel 2019, annata che sta rivelando grandissime doti di equilibrio gustativo e aromi intensi, sfumature che lasciano il segno, ovvio a secondo del vino e della serietà della Cantina; per quanto concerne Marchesi di Barolo il rigore e la costanza sono all’ordine del giorno, degusto regolarmente i loro vini dal 1998. Nebbiolo da 100% a 85% a seconda delle annate, barbera massimo 15%, uve allevate in diversi appezzamenti di proprietà dell’Azienda con varietà di suoli e microclimi: terreni ricchi di sabbie quarzose e limo finissimo, responsabili di aromi delicati, fragranti, così come la stoffa del vino. Fermentazione a temperatura controllata in vasche termo condizionate, affinamento in serbatoio d’acciaio o cemento per preservare il più possibile le caratteristiche organolettiche dei due vitigni sopracitati. Veste rubino intenso, sfumature violacee chiare a bordo calice, trama calda, profonda. Naso delicato, elegante; data la giovane età del campione i ricordi vinosi cedono subito il passo ad un susseguirsi di aromi freschi e stimolanti che sanno di ribes, lampone, ciliegia croccante, ulteriormente impreziositi da pennellate floreali di rosa. La spezia è dolce e stimolante, pepe rosa, chiodo di garofano su una traccia terrosa umida cui fa capolino un accenno balsamico di menta peperita. In bocca vi è perfetta sinergia tra parti acide e sapide, in questa fase le prime in leggero vantaggio, sorso ancora giustamente nervoso per via di un tannino dolce e al contempo irrequieto (guai se non fosse così); è apprezzabile l’estrema versatilità nei confronti dell’abbinamento gastronomico: si va dal più classico dei piatti di tajarin al ragù alla langarola per finire su formaggi mediamente stagionati di latte vaccino.

Foto di Danila Atzeni

Marchesi di Barolo
Via Roma, 1 – 12060 Barolo
Email reception@marchesibarolo.com
Tel+39 0173 56.44.19

  • LI CALZI [09/06/21] - 8.8/10
    8.8/10
8.8/10
Sending
User Review
0/10 (0 votes)

Rispondi