2015,  Ca' del Bosco,  IGT,  LOMBARDIA,  LOMBARDIA,  ROSSI,  Sebino

2015 Pinéro, Ca’ del Bosco

La storia di Ca’ del Bosco inizia nel 1964, con l’acquisto da parte di Annamaria Clementi Zanella di una piccola casa, circondata da castagni, conosciuta come Ca’ del bosc, in collina, ad Erbusco, con due ettari di vigneti di proprietà. In quella cornice bucolica, cresce il giovane Maurizio Zanella, figlio di Annamaria, lasciandosi contagiare dagli stimoli di quelle terre, fino ad entrare in modo decisivo nell’azienda di famiglia all’inizio degli anni ’70. L’azienda, allora come oggi, aveva nei vini di Francicorta (classificati DOC già nel 1967 e DOCG nel 1995) la sua produzione privilegiata, senza però trascurare i vini fermi che non rientravano sotto quella denominazione.
Il Pinèro in assaggio, ad esempio, è nato nel 1983, prima di alcuni celebri Francicorta della cantina, con lo scopo di esaltare uno dei vini impiegati negli spumanti, proponendone una versione “ferma” di alta qualità espressiva. Dopo quasi 40 anni di vinificazioni la ricetta attuale di questo vino parte dalla selezione delle uve già dalle piante di quattro vigneti, di oltre 30 anni di età, nei Comuni di Erbusco e Corte Franca. Alla vendemmia manuale segue il raffreddamento in cantina delle uve, la loro classificazione e un’ulteriore cernita, prima del lavaggio dei grappoli selezionati in vasche di risciaquo per togliere dagli acini qualsiasi impurità presente sulle bucce. Dopo la successiva diraspatura le uve cadono, con l’uso della sola gravità, nei tini, dove effettuano la fermentazione alcoolica e la macerazione (per 14 giorni complessivi) con rimontaggi quotidiani. L’affinamento conclusivo, che si svolge in barriques (nuove al 50%), stagionate per almeno tre anni, dura circa 11 mesi, ed è seguito dall’imbottigliamento per caduta gravitazionale in assenza di ossigeno e senza ulteriori aggiunte di solfiti.
Questo 2015, dal colore rubino piuttosto itenso, apre il suo ventaglio aromatico con amarena, prugna cotta, carne arrostita e pot-pourri di violetta, per proseguire con nocciola tostata, incenso, vinile e ceralacca e concludere con note di torrefazione, empireumatice e boisée. A un naso piuttosto austero fa da contrappeso una bocca inaspettatamente fresca e slanciata, con richiami alla frutta rossa e alla torrefazione, arricchita da una buona sapidità e da quel tanto di morbidezza necessario a rendere il sorso equilibrato ed accompagnarlo a un fresco finale di buona lunghezza sviluppato su frutta rossa e lievi echi amaricanti.

Via Albano Zanella 13
25030, Erbusco, Brescia
Tel: +39 030.7766111
Fax: +39 030.7268425
Mail: cadelbosco@cadelbosco.com
Web: https://www.cadelbosco.com/
  • FABBRETTI [21/04/21] - 9.1/10
    9.1/10
9.1/10
Sending
User Review
0/10 (0 votes)

0 Comments

  1. Pingback: Pinéro 2015, Ca' del Bosco Wine Taste 28 Aprile 2021

Rispondi