AOC,  CHAMPAGNE,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE,  Piper- Heidsieck

Champagne Extra Brut Cuvée Résérve Essentiel, Piper-Heidsieck

Questa scheda ha un problema: è scritta da qualcuno non abituato a bere Champagne. La conoscenza scolastica del vino più celebrato al mondo, quella che si apprende ad un corso sommelier, inclusi uno o due assaggi in tutto, impedisce un racconto più completo, una riflessione più ampia su questo vino.
Questa scheda, però, ha anche un vantaggio: è scritta da qualcuno non abituato a bere Champagne. Vuol dire che non ho patito condizionamenti inconsci, tipo aspettarmi un particolare sentore perchè so che quel sentore deve per forza esserci in uno Champagne. Ho ficcato il naso nel calice, ho bevuto, ho preso nota.
La Maison Piper-Heidsieck vede la luce nel 1785, quando i reali di Francia avevano ancora la testa sulle spalle e qui da noi il papa era anche re. La Cuvée Résérve “Essentiel” Extra Brut non so quando vide la luce per la prima volta, ma so che la versione stappata da me è per la maggior parte composta da uve raccolte nel 2014, addizionate da un 18% di vini riserva. La massa è stata poi imbottigliata e messa sulle pupitres per la presa di spuma nel 2015. Dopo 4 anni, a gennaio 2019, i lieviti sono stati gentilmente invitati ad abbandonare la cuvée e, previo dosaggio di zucchero attorno ai 5 g/l, la Cuvée Résérve “Essentiel” era ora pronta per allietare serate danzanti e compleanni di infanti.
Versato nel calice ed attesa l’attenuazione della spuma, il vino si mostra di colore giallo paglierino molto carico, quasi dorato, con un perlage didattico.
Naso di incredibile eleganza, di intensità misurata ma dalle sfumature molto evocative. Le note principali che salgono alle narici sono di gesso, di grano cotto, di pasta sfoglia e pane appena sfornato, di fieno secco, di pompelmo, di nocciole tostate e una leggera nota di zenzero fresco.
Al palato il vino è fresco e sapido, con un’effervescenza gentilissima, che lascia in bocca una piacevole sensazione cremosa. L’intensità gustativa è percepibile e, soprattutto, costante; non cede di un punto con il passare dei secondi. La persistenza gusto-olfattiva sfuma con grande lentezza, protraendosi per lunghissimi secondi.
La sensazione complessiva è di aver bevuto un vino di grande eleganza, dai toni pacati e dalle maniere gentili. Un vino che difficilmente può lasciare indifferenti.

Champagne Piper-Heidsieck
12 Allée du Vignoble,
51100 Reims, Francia
+33 3 26 84 43 00

  • FIORDIPONTI [02/04/21] - 9.2/10
    9.2/10
9.2/10
Sending
User Review
10/10 (1 vote)

Rispondi