2017,  DOCG,  Franchino,  Gattinara,  PIEMONTE,  ROSSI

2017 Gattinara, Azienda Franchino

Tra gli enoappassionati d’Alto Piemonte vitivinicolo un verso è scolpito nella roccia, anzi nel sottosuolo d’origine vulcanica che caratterizza enormemente queste colline vercellesi: “Un sorso di Gattinara. Purché vero, s’intende. Non chiedo di più”. Fu il grande Mario Soldati a rendere onore al nobile vino piemontese, in uno dei suoi racconti dedicati in parte al territorio che dà i natali alla storica Doc tale dal 1967, Docg dal 1990. Amo pensare che stesse bevendo proprio il Gattinara di Mauro Franchino, a mio avviso uno tra i protagonisti indiscussi della denominazione. La sua famiglia, da oltre settant’anni, è custode di un tradizione immutata e particolarmente fedele ai canoni classici che hanno reso celebre il noto vino piemontese. Al timone oggi troviamo Alberto Raviciotti, nipote di Mauro, da qualche anno ha rilevato la piccola azienda che ha sede nel centro storico di Gattinara (VC). Lo zio ovviamente è sempre in pista, pronto a dispensare preziosi consigli. Produzioni limitate, piccoli appezzamenti (appena 3 ettari) nelle sottozone Borelle, Guardia e Lurghe. Esposizione a ovest- sud-ovest, le stesse possono arrivare sino 500 metri sul livello del mare. I terreni sono particolarmente acidi, vi è presenza di minerali d’origine magmatica quali graniti, porfidi, magnesio, ferro e tanto potassio. 10 mesi in vasche di cemento dove svolge la malolattica, affinamento in grandi botti di rovere da 20-30 Hl , più altri 12 mesi di riposo voluti appositamente. La 2017, nota anche da queste parti per il caldo e l’estrema siccità non pare aver sminuito in nessuno modo l’eleganza che contraddistingue da sempre quest’etichetta. Il respiro inizialmente è caratterizzato dal frutto maturo, goloso, ben lontano da toni di confettura: amarena, lampone, susina rossa e ricordi di viola e rosa selvatica, che in un secondo momento lasciano spazio alla più classica delle note ferrose e lievemente ematiche, da sempre marchio di fabbrica in Casa Franchino. Con opportuna ossigenazione pepe nero, tabacco, cacao amaro, chiude l’insieme un tratto stimolante dato dalle tante erbe officinali e dai rimandi boschivi. Un sorso già piuttosto equilibrato, da una parte rotondità e frutto carnoso, dall’altra freschezza, lunga scia sapida e tannino vispo, già piuttosto dolce: questo aspetto legge straordinariamente l’annata attirando a sé solo gli aspetti positivi del millesimo. Tuttavia è un vino in divenire, comincerà a dare il meglio di sé tra qualche anno. Abbinato ad un piatto di rigatoni con ragù d’agnello è un buon modo di consumare il classico pranzo della domenica.

Azienda Franchino
Piazza Castello, 1, 13045 Gattinara VC
Telefono: 0163 416168

Foto di Danila Atzeni

  • LI CALZI [21/03/2021] - 9/10
    9/10
9/10
Sending
User Review
9.52/10 (6 votes)

Rispondi