2019,  BIANCHI,  CAMPANIA,  Falanghina del Beneventano,  IGT,  Mustilli,  RIFERMENTATI

2019 Regina Isabella sui lieviti, Mustilli

Che allegria le etichette delle sorelle Mustilli! Conta prima della descrizione di un vino? Direi di sì, almeno per me è così. M’invogliano a metterle in tavola, anzi anche tra i libri a mo’ di separé. In realtà il restyling dell’immagine della cantina di Sant’Agata dei Goti racconta molto dell’animo un po’ aristocratico e al contempo rock di Paola e Anna Chiara. Loro che vivono e lavorano in uno spazio del XVII secolo con gli antenati beneventani che le osservano dalle pareti della quadreria di famiglia, sono anche pragmatiche e alla mano, colte e spiritose, un mix di caratteristiche che, quando riesce, offre il meglio delle donne del sud al lavoro. Insomma, se nella serie Netflix The Crown, i Windsor avessero conosciuto questi vini, probabilmente sarebbero piaciuti a Margareth e non a Elisabeth. Ai Mustilli appartiene la prima Falanghina imbottigliata al mondo – 1979 – che rimane un vitigno centrale, anche in questa versione frizzante e con lieviti in sospensione. Mandarino a tutto spiano, al naso come in bocca, essenze di bergamotto e limone verde, con un tocco di ananas che addolcisce una certa asperità. Davvero fresco, solo un po’ corto sulla persistenza, ma ripaga con un’entrata assai ricca.

Mustilli
Via Caudina, 10, 82019 Sant’Agata Dei Goti BN, tel. 0823718142, info@mustilli.com

  • CIANCIO [26/12/20] - 8.9/10
    8.9/10
8.9/10
Sending
User Review
8.66/10 (5 votes)

Rispondi