• AOC,  CHAMPAGNE,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE

    S.A. Champagne Polisy, André Beaufort

    Che ci si trovi nella storica Ambonnay o nell’idillica Polisy, da Beaufort non si ottiene un classico champagne. Con Beaufort si entra una tela di Antonio Ligabue, dove i colori si accendono, danzano tra loro, la natura grida, tutto intorno gira in un vertigo folle. Nitidi profumi di tisana, albicocca, erbe aromatiche, tè alla pesca, ciliegia si miscelano alla roccia, la pietra focaia. Qui si cambia davvero registro, da Polisy si sfiora la Mosella con un dosaggio che rende il sorso dolce, sì, ma che anziché saturare, appesantire, amplifica il tutto facendo vibrare le sensazioni più minerali e saline dell’Aube. Uno champagne con il quale divertirsi a tavola, buonissimo anche…

  • 1997,  AVA,  CALIFORNIA,  Napa Valley,  North Coast,  USA

    1997 Napa Valley Cabernet Sauvignon, Shafer Wineyards

    Napa, California. Se cercate la Borgogna o avete solo quella in testa passate serenamente oltre: questo è un notevole rappresentante del suo territorio, dovrebbe essere tutto cabernet sauvignon, ma credo che la briciola di merlot sia scivolata dentro. Mirtillone robusto e cioccolato fondente in partenza, poi un bel vegetale da sottobosco, buon tratto aromatico, balsamico con la speziatura sul ginepro e sandalo, non estremamente variegato ma decisamente profondo. In bocca è coerente, tessuto morbido con tannino fuso senza essere molle. Si intuisce la ricerca della maturità perfetta delle uve, il vino è dinamico e l’evoluzione è perfettamente a punto, coerente con i suoi 23 anni. Legno gestito molto bene, non…

  • 2017,  IGT,  ROSSI,  UMBRIA,  Umbria

    2017 Suppriscola, Annesanti

    Di Francesco Annesanti scrissi sul mio blog dopo avergli fatto visita in una rigida giornata del febbraio 2019. Il freddo in Valnerina è quello di una valle montana solcata dal fiume, il Nera, che incede tra scoscese pareti rocciose, ricoperte da boschi; ma nel tratto in cui insistono le vigne di Francesco la valle si apre in una distesa ampia e soleggiata, capace di accogliere agricoltura e viticoltura. I vini di Francesco hanno i caratteri del luogo e del microclima: freschezza, ridotto grado alcolico e mineralità a conferire dinamicità ad una sostanza fruttata croccante e succosa.La Suppriscola annata 2017 è barbera 100%, senza solfiti aggiunti, affinata in acciaio. A distanza…

  • 2018,  IGT,  Raina,  ROSATI,  UMBRIA,  Umbria

    2018 La Peschiera di Pacino Rosato, Raìna

    Ancora una volta sono inciampato su Raìna, azienda agricola umbra di Francesco Mariani, fino a qualche mese fa a me sconosciuta ma che incontro sempre più spesso, e con gran piacere. In un ristorante abruzzese scelgo dalla carta il Rosato 2018 a base sagrantino e syrah. Il colore è rosa antico, un po’ spento, velato. Il naso inizialmente ritroso si apre poi su note fruttate molto marcate di fragola macerata, lampone, e a seguire cannella, chiodi di garofano, karkadè e tratti balsamici di eucalipto. Al palato è gustoso, saporito, tornano le note fruttate già incontrate al naso. Bella freschezza e salinità. Vino dai modi contadini ma irresistibile, va servito fresco…

  • 2015,  Fattoria San Giusto a Rentennano,  IGT,  ROSSI,  TOSCANA,  Toscana

    2015 Percarlo, Fattoria San Giusto a Rentennano

    Il Percarlo, da uve sangiovese in purezza, è il vino emblema della cantina San Giusto a Rentennano.Il lavoro in vigna per questo vino è maniacale, con una resa per ceppo di appena 800 grammi d’uva, raccolta leggermente surmatura per ottenere corpo e ricchezza.Il vino ottenuto viene fatto maturare in botti e tonneaux di rovere francese per oltre 20 mesi, a cui se ne sommano altri 18 di affinamento in bottiglia.Nello specifico questa bottiglia racconta un vino di grande struttura, godibile fin da subito, con un grande potenziale di invecchiamento.Nel bicchiere si mostra rubino impenetrabile con unghia granato, decisamente consistente.Il naso è di prugna surmatura, ciliegia, confettura di amarena, china, liquirizia,…

  • 2018,  BIANCHI,  Domaine in Black - Lambert Spielmann,  FRANCIA,  VIN DE FRANCE

    2018 Adul’terre, Domaine in Black – Lambert Spielmann

    In retroetichetta c’è scritto: “da bere ascoltando A l’ombre des maris” di G. Brassens. Io l’ho fatto; la canzone sbeffeggia tutto il castello della fedeltà coniugale, rovesciando i classici valori borghesi dell’uomo cornuto, che crede di possedere la sua donna. Lambert Spielmann perciò, chiama ironicamente il suo gewurztraminer “Adul’terre”, e non sbaglia perché il vino non tradisce: è una donna sfacciata, tutta profumata di ginestre e gelsomino, misti a miele millefiori che lascia una lunga scia di eau de toilette dietro di sé. Invadente al primo impatto, lascio assestare i profumi dolci e floreali nel bicchiere e confido nel sorso, che risulta fresco, sapido e con una quasi impercettibile nota di volatile…

  • 2018,  BIANCHI,  Cantine Pellegrino,  DOC,  Pantelleria,  SICILIA

    2018 Isesi, Cantine Pellegrino

    Cosa ti piace di Pantelleria? Le ragioni sono quelle che per le quali non sceglieresti altre isole: il mare difficile da vivere, poco pesce, meteo instabile, sciroccate da nervosismo perenne, siciliani non così ospitali come sull’isola-continente. Se nessuna di queste ragioni rappresenta un problema, Pantelleria sarà il vostro paradiso. E ha tanta uva, buonissima, innanzitutto da mangiare in pianta. Di quest’isola l’etichetta nuova di Cantine Pellegrino, Isesi, dice molto. L’uva moscato di Alessandria, detta anche Zibibbo, non sarà mai troppo dolce perché c’ha il sale, non sarà mai troppo delicata perché ha sentito il vulcano. Ha un anima un po’ black, come il colore dell’etichetta, perché non è un un…

  • 2019,  Calafata,  IGT,  ROSSI,  TOSCANA,  Toscana

    2019 Scapigliato, Calafata

    Calafata è una cooperativa sociale che da lavoro a persone emarginate e ghettizzate, nel cuore delle colline lucchesi.Il lavoro iniziale di questa giovanissima realtà è stata la riqualificazione delle terre, ripristinando a frutto vitigni di oltre 70 anni di età.L’adesione all’approccio naturale da’ vita a questo taglio di moscato d’Amburgo, ciliegiolo e aleatico fermentati con i soli lieviti indigeni.Affina per 6 mesi in un mix di acciaio e cemento e viene imbottigliato senza aggiunta di solforosa.Fin dall’etichetta questo vino dichiara il suo essere di pronta beva, con la scritta “vino da merenda” e il suo tasso alcolico di appena 11°.Di colore più vicino a un rosato cerasuolo scuro che a…

  • 2018,  IGT,  Lumiluna,  ROSSI,  UMBRIA,  Umbria

    2018 Sangiovese Rio dello Spineto, LumiLuna

    Del grande lavoro che stanno facendo i ragazzi di LumiLuna ne ha già scritto Sara qui e qui, energie positive che negli ultimi anni hanno investito la zona di Perugia e che si sono aggiunte a tante altre e che hanno contribuito a ridisegnare la geografia del vino regionale. Il Sangiovese 2018 è squillante, tanto immediato quanto appagante, sul frutto (soprattutto sul frutto) non senza una nota floreale prima e terragna poi. Non è lieve, i quasi 15 gradi si sentono eccome, tono alcolico affiancato da una struttura all’altezza, con una giusta trama tannica a fare da contrasto e una leggera acidità a fare da contralto. Stupisce per beva e…

  • 2019,  Cannonau di Sardegna,  DOC,  Francesco Cadinu,  ROSSI,  SARDEGNA

    2019 Cannonau di Sardegna “Perdas Longas”, Cantina Francesco Cadinu

    Note di prugna, arancio rosso, ribes nero, lebkuchen con zenzero e cannella, chiodo di garofano, cardamomo e vetiver. Ricco e denso al sorso e dolcezza che tracima da ogni dove pur supportata da vena fresca intrigante e tannino ben estratto. Il sorso chiude su mirra e mandorle, canditi di agrumi e lievi note piraziniche che rallegrano il tutto arrivando ad una grinta e completezza di alto livello.