2018,  IGT,  Mastrojanni,  ROSSI,  TOSCANA,  Toscana

2018 Ciliegiolo, Mastrojanni

Il ciliegiolo a detta dei tecnici è una bestiaccia di uva da coltivare e da vinificare in purezza. Non a caso è soprattutto conosciuta come uva da taglio. In Umbria da un po’ di anni è diventato un rosso piuttosto peculiare e sono diverse le etichette che danno più di una soddisfazione. In Toscana, se pur presente nell’ampelografia di riferimento, si preferisce usare ancora nei blend. L’azienda Mastrojanni, nota da sempre per i suoi Brunello di Montalcino, tenta invece la carta del ciliegiolo in purezza. Prima annata, 2018 per circa 6000 bottiglie. Le piante selezionate sono quelle della zona di Montenero. La lotta è contro siccità e caldo, due fattori di cui soffre il Ciliegiolo e in effetti il millesimo assaggiato pecca un po’ in alcolicità. Per il resto la maestria del team voluto dalla famiglia Illy c’è tutta: ciliegia piena al naso, frutta che diventa poi leggermente più scura, bocca succosa e sapida, mai larga, anzi va dritta verso un finale di bocca concentrato e lungo. Uso sapiente del legno – quello grande – che ammanta tannini e sorso di belle speziature.

Poderi Loreto e San Pio
53024 Castelnuovo dell’Abate Montalcino (Siena), Tel. +39 0577 835681, info@mastrojanni.com

  • - 8.9/10
    8.9/10
8.9/10
Sending
User Review
9.35/10 (2 votes)

Rispondi