2009,  BIANCHI,  CAMPANIA,  Campania,  IGT,  Petilia

2009 Greco di Tufo, Petilia

Nell’assaggio 2009 del Greco di Tufo Petilia c’è tutta la vitalità che ci si aspetta da questa denominazione non proprio facile da affrontare. Per fortuna di recente si bevono bottiglie veramente interessanti, spesso emozionanti se hanno un po’( ancora meglio se tanti) di anni alle spalle. Teresa e suo fratello Roberto Bruno si divertono a vinificare singolarmente le uve dei tre corpi che compongono il loro vigneto, ma in questo caso ritroviamo un blend delle tre aree: Chianche, Santa Paolina e Campofiorito a Altavilla Irpina. Per chi è un po’ dentro il mondo dei Greco di Tufo, sa che sono questi i cru più vocati ed espressivi. Il vino riporta in maniera decisa il timbro minerale che ci si aspetta, nei toni di grafite: ci sono molti sedimenti di ceneri vesuviane e il suolo è ricco di sassi bianchi (chianche), spesso ripido e quindi faticoso. Mostra la sua vitalità esuberante, cristallino, appena tostato, poi torba e anice stellato, agrume croccante. Il sorso si spinge nella freschezza, è succoso, ruvido e salino nel lungo finale.



Contrada Pincera, 83011 Altavilla Irpina (Avellino)
Aziendaagricolapetilia.it  info@aziendaagricolapetilia.it
  • ALAIMO [21/09/20] - 9.1/10
    9.1/10
9.1/10
Sending
User Review
8.1/10 (1 vote)

Rispondi