2018,  BIANCHI,  Colline Savonesi,  IGT,  LIGURIA,  Terrazze Singhie

2018 Lumassina [di Bò-sco], Terrazze Singhie

Sara, Paolo e Mauro Vigliacca sono giovani e pieni di sogni. Lo si capisce incrociandoli e guardandoli. Lo si capisce soprattutto ascoltando la loro storia di neo-vignaioli. Una storia perfetta per i giorni nostri perché ha tutto quello che serve: una piccola vigna – poco più di mezzo ettaro – nascosta tra i boschi di Orco Feglino (già il nome richiama la fiaba) sulle montagne del Savonese, e un’uva dimenticata come la Lumassina, presente in soli tre valli e prodotta da una vigna centenaria. Scelgono da subito la via del biologico e del naturale. E non potrebbe essere altrimenti, con un vigneto circondato da venti ettari di bosco di castagni, pini, lecci e roverelle. Lo stesso impianto – chiamato Ambrustin – è fatto in pali di castagno grezzi prelevati dal bosco e legati con rami di salice. Il vigneto è terrazzato e, per evitare la monocoltura da vigna, Sara e Mauro hanno deciso di far crescere peschi, albicocchi, pruni e ciliegi. Tra i filari poi si trovano più di 200 specie vegetali. Il vino è una summa di tutto questo lavoro: piacevolissimo da giovane, con note erbacee, fresche, di fiori di campo e di essenze balsamiche, lascia ben sperare per una sua evoluzione complessa. Per ora ci godiamo un piccolo – poco meno di 3000 bottiglie – grande progetto di vino e di vita.

Terrazze Singhie, Località Castagnassi Orco Figlino (SV)
tel. 3395364835, info@terrazzesinghie.it

  • CIANCIO [16/08/20] - 8.9/10
    8.9/10
8.9/10
Sending
User Review
9.45/10 (2 votes)

Rispondi