2019,  Cascina Melognis,  Colline Saluzzesi,  DOC,  PIEMONTE,  ROSSI

2019 Divicaroli, Cascina Melognis

Il cairo torinese o pelaverga di Saluzzo, da non confondere con il pelaverga di Verduno, viene lodato dal G. Battista Croce nel 1600, che spiega come “meglio dir si potria caro per la bontà sua; è uva grande, ha grani grossi ben coloriti, di scorza dura, la rappa rossa…, fa buoni vini e delicati.” (Della eccellenza e diversità de i vini, che nella montagna di Torino si fanno, e del modo di farli). Il Divicaroli, pelaverga grosso al 100%, fermenta allegramente e di sponte sua per circa una settimana sotto i 20 gradi in modo da permette al nascente vino, rubino scarico, di mantenere le sue fragranze floreali, di viola, di rosa e di geranio, soprattutto, e di frutto piccolo (lampone e ciliegia croccante) con una nota evidente, ma non ingombrante, di pepe bianco.

Insomma, per farla breve, ma breve davvero: siete indecisi sul vino da abbinare al vitello tonnato, alle acciughe al verde, alle zucchine ripiene, alle lumache al verde, ai peperoni all’acciuga, alla frittata rognosa, al carpione di uova e zucchine, alla tartrà salata, ai batsoà, alle frisse, ai flan di spinaci con fonduta, tanto per iniziare, giusto per non perdere l’appetito e per non appesantire la bocca, in attesa di un barbera o di un nebbiolo di buon grado, ecco allora che questo pelaverga è più che perfetto. A me, tra le altre cose, scrivendo questo pezzo mi è pure venuta fame e la voglia di berne qualche bicchiere.

Cascina Melognis
Mulino Cerrati – Via San Pietro 10
12036 Revello
333 667 6235
  • Stara [13/07/20] - 8.8/10
    8.8/10
8.8/10
Sending
User Review
9.4/10 (3 votes)

Rispondi