2012,  AOC,  CHAMPAGNE,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE

2012 Champagne Grand Vintage, Moët & Chandon

Certi vini sono monumentali non certo per la loro presenza muscolare ma per il loro essere archetipo della loro tipologia. Quello che ti aspetti dall’interpretazione di un grande millesimo in questo vino lo trovi. 

Naso dinamico ed equilibrato in tutte le sue componenti, accenno fiorito di gelsomino, pesca bianca, cedro candito, schiaffo salato di acqua marina. In bocca è come se il vino riprendesse la partitura dell’olfatto e la reinterpretasse con coerenza arricchendo la sessione ritmica: la frutta che si mescola al sale crea un sorso vibrante e ritmato che incita alla beva. Il bis è un rimando continuo alla sessione olfattiva, le pesche sono sciroppate e alleggerite dalla confortante presenza del sale.  

La Maison dichiara che il 74° millesimo è frutto dell’interpretazione “libera e personale” di Benoît Gouez, Chef de Cave dal 2005. Le uve sono in prevalenza a bacca nera (59% tra Pinot Noir e Meunier). 

Concludo lasciando spazio alla musica, scelta in un’istante di libera associazione emotiva: Porgy and Bess, G.Gershwin, nell’interpretazione di Miles Davis e l’Orchestra diretta da Gil Evans, registrato tra il 22 luglio e il 18 agosto 1958.

Moët & Chandon – Avenue de Champagne, 51200 Epernay – Francia
Sito web: www.moet.com
  • BUSINARO [24/06/20] - 9.1/10
    9.1/10
9.1/10
Sending
User Review
8.95/10 (2 votes)

Rispondi