2015,  AOC,  Domaine de La Romanée-Conti,  FRANCIA,  RICHEBOURG,  ROSSI

2015 Richebourg, Domaine de la Romanée-Conti

È sempre con estrema emozione che mi avvicino a quello che è per me il mio vino perfetto, la sintesi delle cose che amo e cerco in una bottiglia da sogno (potrei tradire solo per dei vecchi Bordeaux seri, per capirci) e quindi valutare l’annata 2015 in questa bottiglia mi mette una certa ansia da prestazione, lo ammetto.
Poi avvicinandosi al bicchiere si capisce che non si deve andare a cercare nulla perché è tutto lì che aspetta. La 2015 è una versione caricata a molla.
La partenza è lievemente mou, il bosco si spalanca con tutti i suoi toni floreali/muschiati/fruttati/mora scura; un cenno di agrume rosso, la traccia dell’incenso e del the in sottofondo. Distante, quel tratto quasi barolesco per l’austerità, ma è una compressione che lascia il posto ad altro, basta un po’ di tempo. Il sorso è impressionante, fitto fitto, fatto di muscoli e mare con la traccia sapida netta e una nota salmastra delicatissima. Torna la spezia che è forse il vero tema dominante di fondo a chiudere il vino in un ermetismo giovanile da grandissima annata, dove il frutto accennato all’olfatto viene compresso dal vino estremamente compatto. La materia è imponente come si addice a Richebourg ma le proporzioni attuali fanno immaginare un vino che tra 25/30 anni sarà un monumento assoluto dell’enologia; non ha la suadenza quasi scabrosa del 2009 ma un registro più acuto che chiamerà molta pazienza per una grande riuscita.

A margine, ho letto molte cose sulla 2015 rossa in Borgogna, annata che in Italia non viene considerata buona (critiche striscianti figlie a mio avviso più dell’esigenza di avere vini rapidamente accessibili e dalla beva più spigolosa e nitida); io resto dell’idea che questa sia un’annata strepitosa dove il Cru -lasciato in pace a lavorare- poi con il tempo restituisce forze e colori che in altre annate saranno solo sfumature da cercare; certo si può godere della sfumatura ma perché limitarsi a questo?

Il voto è di coerenza con la mia scala, nel mio taccuino aveva un 97+, ma confesso un certo disagio perché mi sembra di sminuire questo vino rispetto a certi punteggi roboanti su prodotti distantissimi; dunque non posso usare una scala diversa ma chi mi conosce sa cosa vale per me.

Romanée-Conti
 1 Place de l’Église, 21700 Vosne-Romanée, Francia
+33 3 80 62 48 80
  • Fasolo [25/10/2018] - 9.7/10
    9.7/10
9.7/10
Sending
User Review
8.63/10 (3 votes)

11 Comments

  1. massimorustichini 11 Giugno 2020
  2. Davide Fasolo 11 Giugno 2020
  3. Antonio 12 Giugno 2020
    • Davide Fasolo 12 Giugno 2020
  4. Antonio 12 Giugno 2020
    • Davide Fasolo 12 Giugno 2020
  5. Antonio 12 Giugno 2020
  6. Davide Fasolo 12 Giugno 2020
  7. Davide Fasolo 12 Giugno 2020
  8. Davide Fasolo 12 Giugno 2020
  9. Fabio Zanzucchi 13 Giugno 2020

Rispondi