2007,  Alto Adige,  BIANCHI,  Cantina Terlano,  DOC,  TRENTINO-ALTO ADIGE

2007 Alto Adige Rarity, Cantina Terlano

C’è qualcosa di mistico nelle visite alla cantina Terlano. Sarà il porfido rosso della struttura che richiama le Dolomiti, o la grande sala dei serbatoi di acciaio per l’affinamento che sembrano siluri di un sommergibile, o la presenza-assenza di Sebastian Stocker, l’ex enologo della cooperativa che ha imposto il concetto di vini bianchi longevi. Sarà per ciascuna di queste ragioni o per tutte queste assieme, ma il tempo a Terlano sembra dilatarsi. Non c’è fretta nell’assaggio, non c’è premura nel capire i vini. 10-20-30 anni chiusi in questo forziere enoico sotto terra. C’è quindi sempre un misto di contentezza e di preoccupazione nell’aprire l’ultima annata di Rarity messa in commercio – cosa che mi accade assai di rado in verità. Tra le mani ho la 2007. Come sempre pinot bianco in purezza (in passato ci sono state anche bottiglie di chardonnay e un solo tentativo con il sauvignon blanc) che ha fatto un anno tra fermentazione malolattica e affinamento in botte di legno e poi dieci anni sui lieviti in cisterne d’acciaio in pressione. Ne esce un vino senza tempo, per l’appunto: giovane e maturo, perché se da un lato ti coinvolge per la sua freschezza e acidità, dall’altro fa emergere sentori di crosta di pane che rimandano al lungo riposo del liquido. Luminoso: agli occhi, al naso, in bocca. Drittissimo, senza sbavature, non conosce cali di tensione. Fiori di montagna, camomilla, pietra focaia, sale, ma non pensate al mare. Piuttosto alla scalata di un alpinista.

Kellerei Terlan, Via Silberleiten 7, Tel: +39 0471 257135, office@cantina-terlano.com

  • CIANCIO [20/08/20] - 9.2/10
    9.2/10
9.2/10
Sending
User Review
8.6/10 (2 votes)

Rispondi