1996,  AOC,  BIANCHI,  CHABLIS GRAND CRU,  Domaine Laroche,  FRANCIA

1996 Chablis Grand Cru Les Blanchots, Domaine Laroche

Questa bottiglia mi fa ricordare sempre una serata a Padova, 1997 o 1998 circa, condotta da noto sommelier padovano nonché collaboratore all’epoca di Meregalli, ci servì un Montée de Tonnere 1986 del Domaine Laroche e ci disse, testuali parole che ricorderò sempre: gli Chablis maturi invecchiati li puoi scambiare per dei vini rossi. Sono le piccole cose che poi appunti in un angolo e tornano fuori ogni tanto, per questo motivo ogni tanto amo bere Laroche che nessuno fila ma che in qualche cru fa cose eccelse pur sempre col suo stile.

Questo 1996 ricalca tutto ciò che mi aspetto, la coerenza messa in bottiglia, abbiamo la forza un filino più calda de Les Blanchots, cru “meridionale”, la mano classicamente grassa di Laroche che ha questo suo modo classico ed anche forse oggi ancienne per i nuovi gusti. C’è la maturazione perfetta di questo vino, una beva eccellente per chi cerca il concetto del “giusto apice” dove vediamo fondersi la frutta gialla, le susine, il biscotto da caffè lievemente caramellato, il burro, la nota fumé delicatissima, la scorzetta d’arancio disidratata e le erbe secche che uniscono il tutto, coerentemente, con aggiunta iodata e di fleur de sal ma in secondo piano rispetto alla irruenza giovanile. Vino più minerale che polposo, dove spicca anche un tratto lievemente scuro e ferroso che dà ulteriore movimento e spezza il grasso buono. Si sente la mano classica e si sente l’epoca in cui è stato prodotto ma tutto arriva perfettamente godibile, con il giusto spessore e anche finezza, beva assolutamente magnetica ma non semplice. Serve un pizzico di astrazione, poi quando si entra in sintonia la bottiglia, la magia finisce e resta il collegamento ai ricordi passati.

Bellissimo vino.

Domaine Laroche 22 Rue Louis Bro, 89800 Chablis, Francia +33 3 86 42 89 28

  • Fasolo [29/05/20] - 9.3/10
    9.3/10
9.3/10
Sending
User Review
10/10 (1 vote)

Rispondi