2011,  AOC,  BOURGOGNE,  CHAMBOLLE-MUSIGNY,  FRANCIA,  Robert Groffier,  ROSSI

2011, Chambolle-Musigny 1er Cru Les Sentiers, Robert Groffier

Nella mia lunga, ma scarsa, esperienza dei vini di Borgogna – lunga nel senso che il primo Borgogna lo assaggiai più o meno trent’anni fa, scarsa perché ne ho bevuti troppo pochi e inoltre non ho ancora messo piede sul sacro suolo (vergogna!) – Robert Groffier occupa un posto particolare. Groffier è capace di raggiungere vertici che molto raramente ho trovato in altri produttori; forse tre o quattro, due dei quali sono ben noti ai più.

La 2011 fu una annata complicata: precoce già dalla primavera, calda a giugno; la crescita fu rallentata considerevolmente dalle piogge di luglio che ingrossarono le bacche e crearono le condizioni per lo sviluppo della botrite, per fortuna moderata dalle basse temperature. Dal 15 agosto un’ondata di calore portò le temperature a livelli canicolari e anche le notti furono oltre modo calde. Inoltre alcune piogge torrenziali e grandinate funestarono il decorso, pure se in Côte de Nuits in misura minore. Insomma sulla carta annata molto complicata.

E invece questo Les Sentiers 2011 è un portento. Vino di pura classe, quintessenziale. Elencare gli stimoli sensoriali è esercizio sterile, perché qui ciò che stupisce è l’espressività, il modo in cui porge quei sentori. Comunque per non sottrarmi al compito vi dico che sa di lamponi e fragole (ma guarda un po’), di amarena e more, di spezie, di muschio fresco, di menta e di conifera alpina. Al palato è composto, misurato; la trama è tessuta magistralmente, il succo è vivo e reattivo, animato da una acidità inaspettata e da un tono balsamico che rendono questo vino rinfrescante; di più, dissetante.

3 Route des Grands Crus, 21220 Morey-Saint-Denis, France

  • ZANZUCCHI [22/05/20] - 9.6/10
    9.6/10
9.6/10
Sending
User Review
0/10 (0 votes)

Rispondi