2007,  DOC,  Ferrari,  METODO CLASSICO,  TRENTINO-ALTO ADIGE,  Trento

2007, Giulio Ferrari Rosé Riserva del Fondatore, Ferrari

Purezza e delicato equilibrio tra frutto e freschezza quasi speziata, una complessità scintillante. Giulio Ferrari al suo secondo esordio in Rosé, dopo l’annata 2006, in una presentazione milanese di cui ricordo le assenze: di Ruben Larentis, bloccato da un volo cancellato a Londra, dove la sera prima aveva ritirato il premio alla carriera assegnato allo Champagne & Sparkling Wine World Championships (fondato da Tom Stevenson) ma anche di Camilla e Matteo Lunelli, premiati insieme a lui per Cantine Ferrari come “Sparkling Wine Producer of the Year 2019”. Ricevo un messaggio da Ruben “Noi siamo tutti qui, bloccati, puoi introdurre insieme a Marcello (Lunelli) la degustazione e fargli un po’ da spalla?” Corro a cercare l’impeccabile maître di Cracco, Alessandro Troccoli, e gli chiedo di assaggiare Giulio Rosé prima dell’inizio dell’evento. Da allora quel calice rosa antico luminoso rimane scolpito nella mia mente. Se Giulio Rosé 2006 si era manifestato con grande energia, potenza espressiva e sapidità il 2007 arrivava nel calice con una discrezione di grande eleganza, fatta di una delicatezza sfumata, nitidezza di frutto e un’energia lieve ma profonda. Stupiscono ancora al pensiero gli 11 anni di maturazione sui lieviti che fondono in un’unica sostanza il 65% di pinot nero e il 35% di chardonnay, dove le uve di montagna manifestano la loro tensione. Classe e complessità si rivelano in una materia che si fa leggermente da parte per esaltare una raffinatezza cesellata che conquista già ora ma che avrà un lungo avvenire.

Ferrari F.lli Lunelli
Via del Ponte, 15, 38123 Trento TN
Telefono: 0461 972311
  • GIOVONI [05/11/19] - 9.6/10
    9.6/10
9.6/10
0/10
Comments Rating 0/10 (0 reviews)

Rispondi